Sicurezza in bici: 3 alternative allo smartphone per incentivare una mobilità sicura

Sicurezza in bici: 3 alternative allo smartphone per incentivare una mobilità sicura

16 Luglio 2019 0 Di Chiara Bellantoni

Utilizzare il telefono mentre si è alla guida di un’auto è vietato e sanzionato, perché pericoloso. Questa è ormai cosa comune e risaputa. Ma quando si è in bicicletta? Anche in questo caso lo smartphone può essere una fonte di distrazione rischiosa e sarebbe il caso di iniziare a pensare a delle alternative.

E ora che anche in Olanda, il Paese con più biciclette che abitanti (circa 22 milioni delle prime contro 17 dei secondi), è ufficialmente vietato utilizzare lo smartphone mentre si è intenti a pedalare, non abbiamo più scuse per continuare a non farlo.

Usare il telefono in bicicletta, infatti, comporta due problemi principali: distoglie la nostra attenzione dalla strada e ci tiene impegnata almeno una mano. E condurre la bici con una mano sola non è proprio l’ideale per cercare di sterzare o frenare in caso di ostacoli improvvisi di fronte a noi: le probabilità di centrarli e cadere sono piuttosto alte, vero?

I 3 gadget alternativi allo smartphone

Quindi come fare se in realtà avessimo bisogno dello smartphone non per postare sui social o mandare un messaggio, ma perché non conosciamo la strada e rischiamo di perderci? E se, dovendo percorrere un lungo tragitto, volessimo passarci il tempo ascoltando della musica o un audiolibro?

Be’, per questi casi, esistono delle soluzioni decisamente più sicure che tenere in mano uno smartphone.

Qualche esempio? Sicuramente uno smartwatch potrebbe essere un ottimo navigatore satellitare: basta una frazione di secondo per accertarsi di stare andando nella direzione giusta e permette di avere libere le mani per frenare o sterzare all’occorrenza. Cosa volere di più?

Se invece proprio non si riesce a rinunciare alla propria musica, podcast o audiolibri, degli auricolari wireless con comandi incorporati per il volume e navigare tra le canzoni potrebbero essere l’ideale. Purché si tenga il volume abbastanza basso da permettere di sentire i rumori circostanti.

Considerando poi che smartwatch o auricolari potrebbero rappresentare una spesa non indifferente, una valida alternativa economica per non rischiare di perdersi in bicicletta e continuare ad ascoltare i propri cantanti preferiti può essere un semplice supporto per smartphone da agganciare direttamente al manubrio: certo, diciamo che il rischio distrazione è più presente rispetto alle altre due soluzioni sopracitate, ma con questo escamotage le vostre mani saranno entrambe libere di agire in caso di pericolo.

Quindi, perché non iniziare a incentivare una mobilità sicura sulle due ruote cominciando a distribuire uno di questi gadget tra colleghi, clienti e collaboratori? I ciclisti non potranno che apprezzare la considerazione che avete per la loro incolumità e non potranno che raccomandarvi ai loro colleghi di strada!

Seguiteci sui Social!

Siamo presenti sui principali social network. Seguiteci su Facebook, LinkedIn e Instagram per restare sempre aggiornati su tutte le ultime novità sui nostri prodotti e offerte!

Vi ricordiamo, però, che durante i vostri spostamenti sarebbe comunque oppurtuno mettere lo smartphone in mobilità silenziosa o aerea per non venire distratti dalle notifiche 😉